elisabetta caminer turra antonio cosa fare a vicenza magazine veneto donne di vicenza donne vicentine gatte vicentine storie di donne vicentine donne di vicenza editrice vicentine direttrice vicentina nuovo giornale enciclopedico vicenza tipografia editoria vicentina magazine vicenza storia di vicenza ilaria rebecchi storie donne vicenza

Elisabetta Caminer, direttrice del Giornale Enciclopedico

Elisabetta Caminer, direttrice del Giornale Enciclopedico

Figlia d’arte e direttrice del periodico distribuito in tutta Europa, nel suo celebre salotto si discuteva di temi importanti, legati alla cultura europea: la storia di Elisabetta Caminer

Il nome di Elisabetta Caminer Turra (Venezia, 29 luglio 1751 – Orgiano (Vi), 7 giugno 1796) sarà forse sconosciuto ai più, ma la sua figura rappresenta senza dubbio la determinazione delle donne vicentine.
Elisabetta era figlia d’arte poiché il padre Domenico Caminer era un uomo di grande cultura che dedicò la sua vita alla diffusione del sapere trasformando la sua abitazione nella redazione di vari giornali di successo come la “Nuova Gazzetta Veneta” che proseguirà negli anni sotto i nomi di “Diario Veneto” e “L’Europa Letteraria”.

L’editoria e il giornalismo nel sangue

Elisabetta nacque attorniata da libri, da carte, da inchiostro legherà per sempre la sua vita a questo mestiere. Anche il fratello Antonio seguirà le orme paterne, e anche la cognata, quella Gioseffa Cornoldi Caminer che fonderà il primo periodico al femminile, “La donna galante ed erudita. Giornale dedicato al bel sesso”.

In collaborazione di giornalisti d’oltralpe, la redazione Caminer offriva al lettore stralci di notizie storiche, novità letterarie e scientifiche e aneddoti tradotti dalla vivace penna di Elisabetta. Il suo spirito sagace, il carattere indomito, la bellezza fuori dal comune, le fecero guadagnare ben presto una lunga fila di ammiratori, tra cui il medico e naturalista vicentino Antonio Turra, scienziato di fama europea e direttore dell’Orto del vescovo di Vicenza Marco Corner. Segretario della pubblica società agraria di Vicenza, socio dell’Accademia fisico-botanica di Firenze, aggregato dell’Accademia delle scienze di Berlino, si fidanzò con Elisabetta sul finire del 1771 e nel giugno del 1772 la sposò, portandola a vivere a Vicenza.
I Turra erano una distinta famiglia vicentina, con proprietà in quel di Via Canove e Antonio era considerato uno tra i migliori naturalisti dell’Italiadel tempo, il primo pronto a scrivere un trattato sulla flora nazionale.
La figura di quest’uomo appare quasi in ombra rispetto alla vulcanica attività della moglie Elisabetta Carminer, ma la libertà che le concedìsse e la complicità con la quale assecondò i suoi bisogni fanno supporre un’unione felice caratterizzata da svariati interessi comuni.

elisabetta caminer turra antonio cosa fare a vicenza magazine veneto donne di vicenza donne vicentine gatte vicentine storie di donne vicentine donne di vicenza editrice vicentine direttrice vicentina nuovo giornale enciclopedico vicenza tipografia editoria vicentina magazine vicenza storia di vicenza ilaria rebecchi storie donne vicenza

Il trasferimento a Vicenza

Nel gennaio 1777 la sede del giornale si sposta a Vicenza: Elisabetta Caminer, che assume il ruolo di direttrice, inizia un rapporto di collaborazione con la tipografia di Francesco Modena. L’amore e la devozione per il marito riescono in parte a lenire il profondo dolore che Elisabetta prova per essersi allontanata da Venezia, descritta come una libera, sciolta e buona città.

Goethe, durante la sua permanenza a Vicenza, visitò il suo laboratorio e annotò le impressioni nel suo diario, descrivendola come una persona garbata e fine.

Vicenza si rivelò una città difficile, ma anche qui riuscì a ricreare quell’ambiente intellettuale che le era familiare a Venezia, aprendo la sua casa a quanti godessero di fama di letterati e di studiosi, tra i quali Lorenzo Tornieri, Girolamo Thiene, il Testa, il Duso, Marco Antonio Trissino. La scelta non tardò a produrre gli effetti di un controllo sempre più severo da parte degli addetti alla revisione.

Tra i collaboratori si ricordano i professori Toaldo e Lorgna per le scienze matematiche, Domenico Caminer per la storia, l’abate Fortis per le scienze naturali, Agostino Vivorio e Giovanni Scola per le scienze filosofiche. Scola affiancava la Caminer anche nella direzione del giornale, e con energia e coraggio la spronava ad abbandonare la linea di prudenza del padre e fare del suo giornale un periodico moderno e nuovo, come in Veneto non si era mai visto. A causa di una censura sempre più pressante, la tipografia Modena sciolse la collaborazione, e ben presto anche le altre tipografie si videro costrette a non poter collaborare con la Caminer se volevano continuare a lavorare.

elisabetta caminer turra antonio cosa fare a vicenza magazine veneto donne di vicenza donne vicentine gatte vicentine storie di donne vicentine donne di vicenza editrice vicentine direttrice vicentina nuovo giornale enciclopedico vicenza tipografia editoria vicentina magazine vicenza storia di vicenza ilaria rebecchi storie donne vicenza

Il Nuovo Giornale Enciclopedico e i nuovi interessi

Forte della sua cocciutaggine e dell’appoggio incondizionato del consorte, aprì nel 1779 una stamperia propria in Contra’ Canove, dove lavorava con successo anche come tipografo. Nel 1782 l’abate Alberto Fortis, autore del libro Viaggio in Dalmazia, già collaboratore del periodico, sostituirà lo Scola nella direzione e questo nuovo sodalizio verrà siglato con la sostituzione del vecchio nome con quello di Nuovo Giornale Enciclopedico. Il carattere pacato del Fortis porterà a dei sostanziali cambiamenti nello stile del giornale: se prima la tendenza era quella di anticipare gli eventi, di pungolare, di stimolare gli animi, il “Nuovo Giornale Enciclopedico” risulta essere un fedele raccoglitore di notizie, come se la censura avesse sortito gli effetti e la redazione si fosse decisa a seguire una linea di condotta più tranquilla. Questo anche perché la Caminer aveva sviluppato altri interessi, tra cui le opere pedagogiche per i bambini, per i fanciulli e le donne, ma soprattutto per il teatro.
Con il solito entusiasmo istituì prima a casa sua poi in Contrà Riale, una scuola di recitazione.

Nel 1795, Elisabetta iniziò a manifestare i sintomi di un tumore al seno: consigliata da un chirurgo padovano si sottopose ad un intervento di rimozione del tumore, ma l’operazione non sortì l’effetto sperato. Il 7 giugno 1796, presso la Villa dell’amico Fracanzan ad Orgiano, Elisabetta Caminer muore.
Venne sepolta a Vicenza, nella Chiesa di Santo Stefano, dove nessuna lapide è stata posta a commemorare la sua figura.

 

Giornalista veneta da sempre appassionata ed esperta di comunicazione a 360° tra copywriting, digital strategy, Social Media, scrittura SEO oriented, anche telegiornalista e presentatrice.
Ilaria ama parlare, scrivere e raccontare storie, soprattutto se riguardano ciò che è bello, dalle arti alle idee e ai personaggi.
Multitasking creativa dal digitale alla carta stampata, collabora con diverse realtà editoriali internazionali in particolare negli ambiti della cultura, dello spettacolo, degli eventi, dello sport e dell’innovazione.
Nel corso degli ultimi anni ha creato numerosi progetti di informazione e approfondimento sul digitale (e non solo), tra cui King’s Road magazine, I Diari di Casanova, CreatiVity stories e Cosa Fare in Veneto.
È l’ideatrice e direttrice anche di Gatte Vicentine, il magazine dedicato alle donne della sua città, Vicenza, nato dalla volontà di unire l’informazione di stampo giornalistico, gli approfondimenti tra lifestyle e storie e i contributi di personalità, associazioni, ordini e realtà del territorio al servizio delle donne.

Ti piace? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *