il piacere in vacanza gatte vicentine donne di vicenza erotismo magazine vicenza notizie erika caneva la valigia rossa sex toys veneto donne

Quando anche il piacere va in vacanza

Quando anche il piacere va in vacanza

“Se prendo l’aereo, posso portare il sex toy?” È una domanda che spesso viene posta durante le riunioni LVR. E anche il piacere parte per le ferie… con noi!

Anche il piacere (e i sex toys) vanno in vacanza? Questione importante considerati gli attuali controlli aeroportuali, ferrei e minuziosi: viaggiare con il proprio sex toy non è così facile come in passato, ma di lasciarlo a casa nel cassetto non se ne parla proprio. Neppure imbarcarlo in stiva è tra le opzioni, soprattutto se si tratta di un oggetto lussuoso!
L’ideale sarebbe tenerlo con sé nel bagaglio a mano… ma come trasportare un oggetto del piacere con discrezione? Noi consulenti de La Valigia Rossa siamo delle esperte in questo: da anni viaggiamo ovunque con una Valigia che trabocca di piacere!

Con qualche accorgimento possiamo partire per un viaggio o una vacanza evitando spie rosse che lampeggiano, allarmi che suonano, il personale della security che chiede “posso aprire il bagaglio per un controllo?”, o addirittura l’arrivo degli artificieri!

  1. Per il bagaglio a mano, scegliete un giocattolo di categoria “mini”, che meglio può essere nascosto tra i vestiti: eviterete così che sul monitor di sicurezza compaia un oggetto “misterioso”, dalle dimensioni e forme… “dubbie”. Oppure optate per quelli a forma di mascara o rossetto: custoditeli in una pochette con gli altri cosmetici e passeranno inosservati.
  2. Assicuratevi di collocare il toy in posizione distesa, separato dal resto, e evitate di porre sopra di essi oggetti pesanti. Alcuni giocattoli sono talmente curati nei dettagli da avere la propria custodia da viaggio: usatela! Eviterete così graffi o urti con altri oggetti.
  3. Se viaggiate con un oggetto a batterie, rimuovetele. Se invece il toy è ricaricabile, prima di metterlo in valigia lasciatelo acceso (o usatelo tanto prima di partire!) finché non è completamente scarico. Eviterete di dover spiegare che quell’improvviso ronzio che si sente provenire dalla vostra borsa, altro non è che la suoneria del vostro cellulare…
  4. Bloccatelo. Molti sex toys di ultima generazione hanno l’apposita funzione “lock” per poterli bloccare ed evitare che si azionino accidentalmente.
  5. Uscite dagli schemi: i sex toys non vanno necessariamente messi in una valigia!

Con un oggetto “da indossare” avrete comunque il massimo della discrezione: tra le ultimissime novità vi sono gli accessori vibranti, veri e propri gioielli in argento o placcati oro da mettere al collo come una comune collana, che nascondono silenziose ma potenti vibrazioni. Il vostro segreto con un pizzico di trasgressione!
Anche quelli che sembrano una penna o una chiavetta USB sono assolutamente irriconoscibili: potete tenerli all’interno della borsa insieme alle chiavi di casa e al documento d’identità, nessuno li noterà.

Qualunque sia la vostra scelta, non dimenticate di mettere in valigia anche un buon lubrificante (il formato da 100ml è perfetto per il bagaglio a mano!) e il pratico “toy clean”, spray da spruzzare sul giocattolo per una perfetta e rapida pulizia, anche in assenza di acqua. Con il vostro toy in valigia (o al collo!) siete pronte per andare al gate: e ora?
Rimanete calme e non agite con sospetto, passate i controlli con sicurezza e disinvoltura: chissà quante di quelle valigie che vedete transitare sul nastro trasportatore contengono giochi di piacere!

E voi, siete pronte per volare con il vostro sex toy?
Che partiate o no, organizzate una riunione con La Valigia Rossa: scoprirete il “complice di piacere” perfetto per la vostra estate! 😉

Classe 1982, una laurea in Scienze della Formazione e una in Scienze Religiose, seguite da un master in Relazioni Pubbliche d’Impresa. Nel 2011 incontra “La Valigia Rossa”, azienda di donne per le donne che si occupa di salute e benessere sessuale femminile tramite riunioni a domicilio. In breve tempo Erica diventa consulente top-seller, ottenendo negli anni diversi premi e riconoscimenti e oggi segue anche l’area marketing del brand.
Energica, empatica, curiosa: dopo anni di approfondimento sulla sessualità, decide di misurarsi anche con l’ambito legato alle disfunzioni sessuali: ha conseguito il titolo di Consulente Sessuale, per lavorare con maggiori competenze sulla sessualità femminile, maschile e di coppia in tutte le sue sfumature.

Ti piace? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *